le vite nascoste dei colori

di Laura Imai Messina

Laura è una scrittrice italiana che da molti anni vive in Giappone.

In questo libro racconta la storia di Mio - figlia della famiglia Yoshida, che crea meravigliosi kimono da sposa e si occupa di vestire le spose nel loro grande giorno - e quella di Aoi - figlio di un padre e di una madre amorevoli che gestiscono un’attività di pompe funebri.

Inizialmente le loro storie vengono descritte in parallelo grazie all’alternanza dei capitoli che sono dedicati primo ad una e poi all’altro. In questo modo ci vengono presentati e descritti in maniera accurata entrambi i personaggi.

le vite nascoste dei colori immagine.jpg

Mio è una bambina particolare che ha da sempre un modo tutto suo per descrivere il colore. Lei non si limita a dire “blu”, “giallo” o “rosso”, ma preferisce dire “blu ripostiglio”, “giallo castagna” oppure “rosso geranio delle dame altolocate di Kyōto”. Questo suo modo di parlare faceva infuriare la madre, ma Mio non ha mai smesso e crescendo è diventata la punta di diamante dell’agenzia di colori Pigment.

Aoi è sempre stato affascinato dalla vita e dalla natura. Si è sempre sentito a suo agio in quella piccola fessura che c’è tra la vita e la morte. Da bambino parlava con le salme e gli raccontava la sua giornata e da grande aiutò i familiari dei vari defunti in quel percorso di dolore che tutti prima o poi dobbiamo affrontare quando perdiamo qualcuno di caro.

 

La nostra scrittrice è un narratrice onnisciente: conosce gli avvenimenti alla perfezione e riesce a creare quella punta di fastidio che serve al lettore per andare avanti con curiosità scoprendo la magica storia dei personaggi che si intreccia e si infittisce sempre di più.

 

Lasciatevi travolgere dall’amore più puro, travolgente e passionale che ci sia. Perdetevi nei colori.

21 Settembre 2021 
di Fiorella Finelli