cos'è un rifugiato

Recensione del libro per bambini di Elise Gravel

cosa è un rifugiato.jpg

Elise Gravel, Cos’è un rifugiato, Harper Collins, Milano 2021 (orig. 2019), pp. 36.

Mondo umano. Da sempre. Non è mai troppo presto per spiegare a un bimbo o a una bimba che ci sono loro coetanei costretti a lasciare le proprie case, residenze e famiglie, in fuga 

da gravi pericoli, in viaggio senza meta e con tanta paura, in cerca di asilo o accoglienza in qualche posto lontano. Loro malgrado. Del resto, “un rifugiato è una persona, proprio come te e me”. Appena nati capita inevitabilmente di sentire adulti che ne parlano, voci, notizie. Tanto vale fare chiarezza e spiegare con semplicità di che e di chi si tratta, con esempi e paragoni, senza preconcetti e banalità, rimettendosi alla straordinaria capacità infantile di intuire e immedesimarsi, bimbi e bimbe sapiens.

C’è la piccola Ayla, partita dalla Siria per colpa della guerra che spiega: “amo disegnare con mia sorella. Facciamo dei fumetti divertenti”. Ci sono i coetanei Majid dal Sudan, Roseline da Haiti, Musa dall’Afghanistan, Nala dalla Somalia, Sebastian da Cuba. E, poi, alcuni rifugiati celebri come Rita Levi Montalcini (1909-2012), Bob Marley (1945-1981), Malafa Yousafzai (12 luglio 1997), attivista e blogger pakistana, la più giovane vincitrice del Premio Nobel per la pace, Albert Einstein (1879-1955), Anne Frank (1929-1945), Maria Montessori (1870-1952) e Freddie Mercury (1946-1991). È importante rispettarli dal principio come eguali a noi, comunque e dovunque si presentino, interessandosi alla loro storia personale e a quanto possono mostrare al mondo.

La bravissima illustratrice canadese Elise Gravel (1977), affermata in patria e all’estero, pluripremiata, ha realizzato un altro libro cortese per bambine e bambini, oltre che per gli adulti che amano trascorrere tempo con loro, insegnare e imparare. Gli elementi sono pochi: testo essenziale, breve e profondo; grandi disegni colorati; volti che dicono tanto. Bella anche l’introduzione di Carlotta Sami, portavoce dell’Unhcr (The United Nations Refugee Agency) per l’Italia; con ogni copia venduta un euro sarà devoluto proprio alle attività di questa importante organizzazione. Si tratta davvero di un libro ben illustrato che ci aiuta a parlare chiaramente di vicende complesse, anche ai più piccoli, utile per una biblioteca comunale, per una maestra o maestro scolastico, per un genitore o un nonno accorti.

Ai rifugiati è stato negato il diritto di restare, di continuare a vivere dove risiedevano, il diritto di fare cose “normali”; sono stati obbligati a una migrazione forzata per non rinunciare a dire, pensare o essere quello che si è; qualche volta anche a causa di disastri naturali. Intorno a loro dilagano indifferenza e diffusa ignoranza. Facciamo insieme qualcosa per dissiparle.

29 Maggio 2021 
di Valerio Calzolaio