chi siamo

Radio CAP - APS (Cominciamo A Parlare) è l’esito di un percorso di impegno giovanile che sposa la passione per la radiofonia e la comunicazione con l’impegno sociale e la cura del territorio.

Il progetto è nato a partire dall’esigenza di un piccolo gruppo di amici di trovare uno strumento originale di aggregazione che potesse raccogliere le passioni e gli interessi di tutti.

La radio è stata la risposta naturale e fortuita a questo desiderio.

La nostra storia comincia nel 2017 nelle sale della sede del

Quartiere Borgo Panigale – Reno (BO) durante un’assemblea aperta alla cittadinanza nella quale alcuni di noi hanno raccontato le attività culturali che avevamo iniziato a svolgere, l’entusiasmo che ci accompagnava e la voglia di rendere più strutturato e serio il nostro lavoro. Il nostro intervento in quell’incontro ha suscitato interesse nelle orecchie attente del direttore di “Libera radio” Federico Lacche che ci ha trasmesso la sua passione per la radio e da quel giorno ci ha accompagnato nel nostro percorso di crescita e formazione radiofonica fino a farci camminare da soli come ogni buon maestro sa fare.

2020-03-22 05.36.41 2.jpg
2020-03-22 05.40.40 2.jpg

L’avviamento concreto del progetto è stato possibile grazie alla partecipazione a un bando indetto dal Quartiere Borgo Panigale – Reno per la cura della comunità e del territorio e grazie al supporto delle numerose realtà che hanno deciso di sostenere la nostra idea: la già citata Libera Radio, Banca del Tempo Reno Borgo, il Centro Islamico Barca, Open Group, la delegazione di Bologna di Libera, la Parrocchia di Sant’Andrea, la parrocchia di San Pio e il centro sociale Rosa Marchi, il centro sociale più antico d’Europa, che nei suoi locali ospita la sede operativa della radio.

E proprio con quest’ultima realtà, da sempre animata dagli anziani del Quartiere, il dialogo si è sempre più intensificato fino a comportare un nostro coinvolgimento attivo nella gestione del centro sociale, proponendo e organizzando attività ludiche, gastronomiche e culturali, dando vita a un’esperienza unica di vero contatto intergenerazionale.

Le trasmissioni radiofoniche e le attività socioculturali hanno ufficialmente preso il via, dopo un periodo di programmazione, formazione e ristrutturazione del locale che ci è stato dato a disposizione, il 13 Gennaio 2018, con una grande festa di inaugurazione che ha coinvolto tutta la comunità del Quartiere.

Dopo l’inaugurazione il nucleo iniziale di 20 ragazzi e ragazze tra i 15 e i 25 anni si è esteso e rinnovato, si è sparsa la voce sulla nascita di radio CAP - APS, portando all’avvicinamento di ragazzi provenienti da altri Quartieri e in alcuni casi anche da fuori Bologna, fino ad arrivare a più di 50 componenti ognuno dei quali ha contribuito a incrementare l’ampia offerta di podcast

e l’attivismo sociale.

Le attività si sono inizialmente sviluppate come un’articolazione delle attività sociali del centro sociale Rosa Marchi, per poi strutturarsi definitivamente in un’attività associativa vera e propria il 7 settembre 2020 in forma di APS (Associazione di Promozione Sociale).

IMG_20190929_141549_253.jpg
IMG_20190929_141549_244.jpg
2020-03-22 05.39.28 2.jpg

Perché CAP - APS (Cominciamo A Parlare)?

Perché rispecchia la nostra natura di comunicatori.  Ognuno di noi a suo modo ha saputo raccogliere un sogno, il sogno di avere un luogo nel quale potere mettersi alla prova nel raccontarsi e nel raccontare ciò che ci circonda con diverse modalità e linguaggi. Ognuno di noi ha allenato la propria parola, chi addirittura è stato in grado di farla nascere, vincendo le proprie timidezze. Ognuno di noi ha contribuito a rendere bello lo spazio nel quale ci troviamo e registriamo. Ognuno di noi ha investito il suo tempo, oltre che nei propri programmi radiofonici, nella cura del territorio e della vita comunitaria, offrendo occasioni di incontro e arricchimento culturale, creando percorsi collettivi di sensibilizzazione e approfondimento. Ognuno di noi è stato in grado di prendersi responsabilità e a partire da queste si è costruito un progetto liberante, di tutti e non di nessuno. Ognuno di noi ha lasciato un segno.

 

scritto da Giacomo Tarsitano